L’ultimo saluto a Ronnie Peterson


incidente ronnie peterson gp italia 1978

L’11 settembre 1978, muore a Milano il pilota della Lotus, Ronnie Peterson. Il pilota svedese debutto nella massima serie automobilistica nel 1970. Vinse 10 gran premi e per due volte fu vicecampione del mondo (1971 e 1978).
Riconosciuto dai colleghi come un pilota veloce e grintoso, perse la vita il giorno dopo il Gran Premio d’Italia, dove rimase coinvolto in un brutto incidente causato dall’accensione anticipata del semaforo verde. In quell’episodio rimasero coinvolti diverse vetture tra cui l’Arrows-Ford Cosworth di Riccardo Patrese, James Hunt con la McLaren-Ford Cosworth, Clay Regazzoni con la Shadow-Ford Cosworth e la Surtees-Ford Cosworth di Vittorio Brambilla.

Al via Ronnie Peterson partì male, dove rimase imbottigliato fra diverse vetture, all’altezza della chicane Hunt e Peterson, vennero al contatto.
La Lotus dello svedese sbandò e andò a urtare il muretto posto all’imbocco del vecchio anello ad alta velocità. Dopo essere stata colpita dalla Surtees di Brambilla, la vettura dello svedese, con l’avantreno disintegrato, prese fuoco, fermandosi in mezzo alla pista.

ronnie peterson monza incidente 1978I soccorsi furono rallentati da un assoluto caos, Peterson, ancora cosciente fu estratto a fatica da ciò che restava della sua monoposto. Grazie all’intervento di James Hunt e Clay Regazzoni e i volontari di CEA Squadra Corse che spensero prontamente le fiamme, il corpo dello svedese fu portato subito all’ospedale più vicino, ma in condizioni gravi viste le sette fratture alla gamba sinistra e quattro alla gamba destra. Morì il giorno dopo per le gravi ferite. Vittorio Brambilla, colpito al capo da uno pneumatico rimase in coma per alcuni giorni.
James Hunt venne premiato con la Conchiglia d’oro da parte dell’Automobile Club di Svezia.

Nell’estate 2017 gli fu dedicato un documentario intitolato proprio SuperSwede, in cui viene raccontata la di Ronnie Peterson.

Se ti è piaciuto condividilo sui social. Ti sarò eternamente grato.