Michael Schumacher vince a Melbourne 2001 ma la gara è segnata dal lutto


michael schumacher australia 2001

Il 4 marzo 2001, sulla pista di Albert Park, in Australia, iniziava la stagione 2001 di Formula 1, con Michael Schumacher che centrava la prima pole position stagionale con la Ferrari F2001.

piloti f1 australia 2001

Al via il tedesco parte bene anche se la McLaren di Mika Hakkinen è subito negli scarichi.
Al termine del primo giro Schumacher, prende subito più di un secondo di vantaggio sul diretto rivale Hakkinen, seguito da Heinz-Harald Frentzen, Ralf Schumacher e Rubens Barrichello che inizia a conquistare terreno, liberandosi in poco tempo di Schumacher junior e poi della Jordan.

Al quinto giro, Jacque Villeneuve, tampona Ralf Schumacher con la BAR del pilota canadese che si impenna finendo contro il muretto di protezione. Villeneuve esce illeso dalla monoposto ma purtroppo un giudice di gara viene colpito da una parte dell’auto perdendo la vita, poco dopo in ospedale.

A metà gara Hakkinen rimaneva vittima del cedimento di una sospensione lasciando il via libera alla Ferrari di Schumacher. Dietro invece David Coulthard sorpassa Barrichello alle prese con una monoposto sbilanciata dopo il contatto avvenuto ad inizio gara.
Schumacher vince dominando, percorrendo 52 dei 56 giri in testa e conquistando il cosiddetto “hat trick” ovvero: pole position, vittoria e giro veloce in gara nello stesso weekend.

A punti anche il giovane esordiente Kimi Raikkonen al volante della Sauber.

podio australia 2001

Le parole di Michael Schumacher:Sono rimasto molto impressionato quando mi hanno detto cosa era accaduto al giudice di gara. Sono certo che tutti sono molto tristi per questo fatto. Dobbiamo vedere cosa può essere fatto per migliorare le condizioni di lavoro per queste persone, soprattutto sotto il profilo della sicurezza. Per quanto riguarda la gara, ho fatto una grande partenza, mettendo a frutto tutto il lavoro svolto durante l’inverno. Poi ho cercato di prendere il giusto ritmo, spingendo quando ce n’era bisogno e cercando di non sforzare troppo la macchina. L’auto era molto buona: sebbene questo risultato può darci fiducia per il resto della stagione, sappiamo che non dobbiamo esagerare. Alla fine ho rallentato, perché la cosa più importante era vincere e non il margine di vantaggio. Volevo soltanto portare la macchina in fondo, considerato anche che non avevamo fatto molte simulazioni di gara nei test.

Se ti è piaciuto condividilo sui social. Ti sarò eternamente grato.