Michael Schumacher vince il Gran Premio di Ungheria


onthisday 16 agosto 1998 michael schumacher ungheria
Ferrari F1

Il 16 agosto 1998, Michael Schumacher vince all’Hungaroring il dodicesimo appuntamento della stagione di Formula 1 1998. E’ stata una gara da ricordare per il capolavoro tattico messo a punto dall’allora direttore tecnico della Ferrari, Ross Brawn.
In una pista dove i sorpassi sono praticamente impossibili le qualifiche acquistano un’importanza assoluta. La prima fila è tutta McLaren-Mercedes con Mika Hakkinen davanti a David Coulthard. L’unico a tenere banco è Michael Schumacher, terzo a circa 4 decimi dalla pole.

Fino a metà gara le posizioni rimasero invariate con il tedesco dietro alle due McLaren, ma quando il finlandese sembrò accusare qualche problema, Ross Brawn cambiò le carte in tavola del tedesco.
Per vincere bisognava trovare una nuova strada.

A sorpresa, nel corso del giro numero 43 la Ferrari cambia strategia passando da due soste a tre: questa si rivelerà la mossa vincente. Schumacher riparte con poco carburante e stacca il miglior parziale. Ora il tedesco è secondo davanti a Coulthard e davanti a se c’è l’altra McLaren di Mika Hakkinen, in serie difficoltà.

Al giro 46 rientra il finlandese, a quel punto, la situazione era chiara: per vincere Michael doveva accumulare almeno 24 secondi prima della sua terza sosta. Sembrava una missione impossibile ma il ferrarista mise in scena uno show straordinario, facendo una terza porzione di gara lunga 14 giri come se si trovasse in qualifica.

Al pit-stop, al giro 56, i secondi di vantaggio sulle due Frecce d’Argento erano 27. I meccanici in rosso completarono il capolavoro con delle operazioni ai box senza sbavature, consentendogli di rientrare in pista al comando.

Se ti è piaciuto condividilo sui social. Ti sarò eternamente grato.