Oggi nasceva Giuseppe Farina


nino farina alfa romeo 158

Il 30 ottobre 1906 nasce a Torino Giuseppe Farina, detto Nino, figlio di uno dei fratelli del celebre carrozziere italiano fondatore degli “Stabilimenti Farina”. Fu il primo campione del mondo di Formula 1, avendo vinto il titolo nell’edizione inaugurale della massima serie automobilistica nel 1950 al volante di un’Alfa Romeo.

Enzo Ferrari nel libro “Piloti che gente” scrisse:

Sarà storicamente ricordato come il pilota che per primo si è fregiato del titolo mondiale quando, nel 1950, fu istituito il Campionato del mondo di Formula 1.Era l’uomo dal coraggio che rasentava l’inverosimile. Un grandissimo pilota, ma per il quale bisognava stare sempre in apprensione, soprattutto alla partenza e quando mancavano uno o due giri all’arrivo. Alla partenza era un poco come un purosangue ai nastri, che nella foga della prima folata può rompere; in prossimità del traguardo era capace di fare pazzie, ma, bisogna pur dire, rischiando solo del proprio, senza scorrettezze a danno di altri. Così, aveva un abbonamento alle corse dell’ospedale.

nino farina
formula1.com

Era noto per i suoi “eccessi”, dentro e fuori dai circuiti. Il suo carattere esuberante ed impulsivo resero il pilota torinese, protagonista di incidenti spettacolari senza mai subite gravi danni.

Nino Farina dopo aver corso due anni con la casa milanese dell’Alfa Romeo passò alla Ferrari nel 1952 dove divenne subito vice-campione del mondo con la 500 F2. Terzo classificato nel 1953 per poi ridurre il suo impegno agonistico, concludendo la carriera  con l’avventura nella 500 Miglia di Indianapolis con una Ferrari tipo 446 su un telaio Kurtis Kraft. In totale, Farina disputò 33 gare, di cui 20 con la Ferrari. Vinse 5 gran premi di cui, uno con la rossa.

Perse la vita il 30 giugno 1966 ad Aiguebelle, sulle Alpi Francesi, in un incidente stradale mentre mentre si recava a Reims per assistere al gran premio di Francia. Nino Farina è stato sepolto al Cimitero monumentale di Torino.

Se ti è piaciuto condividilo sui social. Ti sarò eternamente grato.